– a cura di GERETS –

Due mondi – e io vengo dall’altro

Proiezioni su nuda schiena 

Dietro e dentro 
le strade inzuppate 
dietro e dentro 
nebbia e lacerazione 
oltre caos e ragione. 
Porte minuscole e dure tende di cuoio. 
la soglia, qui, non è tra mondo e mondo 
ma chiave che apre e non chiude. 
è il taglio efficace 
più affilato della duplice lama 
che affonda 
fino alla separazione. 
Due mondi – e io vengo dall’altro 
il mondo celato al mondo 
il mondo ignoto al mondo.

Ispirato da “La Lunga Strada – Reloaded” di Monika Barth

No input, no output.
Se non metti dentro roba non uscirà nulla.
Persone, sentimenti, emozioni, struggimento, goduria, casualità, chiacchiere, cinema, televisione, tecnologia, eros, aggressione, dolcezza, fotografie, libri, viaggi, giornali, riviste, blog, scritte sui muri, cartelli stradali, annunci mortuari, incantatori di serpenti, la giungla, la foresta, il mare, lasciarsi andare, perdere il controllo, mostre d’arte, orari dei treni, lavoro, sport, spirito, scienza, tutto.
Tutto da fare.
Tutto da immaginare.
Tutto da mixare.
Ovunque persempre.
Become the tiger.
Become Gallerish.

Ti è piaciuto questo articolo? condividilo...

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on whatsapp
Share on email

lascia un commento

Iscriviti alla newsletter

Ti invieremo un’email mensile con tutte le migliori novità!

IT